La rottamazione Ter, prevista dall’art 3 del Decreto Legge n°119/2019, convertito con modificazioni dalla Legge n. 136/2018, prevede la “rottamazione” per le somme affidate all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017. Di seguito vedremo tutto quello che c’è da sapere sulla Rottamazione ter: requisiti e scadenze.

1. Cos’è?

2. Soggetti rientranti nella rottamazione

3. Modalità di pagamento

4. Come effettuare la richiesta

Cos’è?

La rottamazione ter 2019 consente ai contribuenti interessati di pagare solo l’importo residuo del debito, senza sanzioni e interessi di mora. Per verificare se la scadenza rientra nel periodo temporale previsto per la “rottamazione” è necessario verificare la data di affidamento del ruolo all’agente della riscossione e non la data di notifica della cartella.

 

 

Soggetti rientranti nella rottamazione

Possono aderire alla rottamazione:

 

  • Contribuenti in possesso di cartelle esattoriali affidate all’agente della riscossione dal 1° Gennaio 2000 al 31 Dicembre 2017

 

  • Coloro i quali avevano già aderito alla prima rottamazione e non hanno versato integralmente le rate previste

 

  • Coloro i quali avevano partecipato alla rottamazione bis ( solo se risultano saldate tutte le rate fino al 7 Dicembre 2018)

 

Non possono aderire alla rottamazione i debiti derivanti da:

 

  • Recupero aiuti di Stato ritenuti illegittimi dalla Unione Europea

 

  • Crediti provenienti da condanne pronunciate dalla Corte dei Conti

 

  • Multe, ammende e sanzioni pecuniarie dovute in seguito a provvedimenti e sentenze penali di condanna

 

  • Sanzioni diverse da quelle irrogate per violazioni tributarie e degli obblighi inerenti ai contributi e ai premi dovuti agli enti previdenziali

 

 

 

 

Modalità di pagamento

Il debito può essere pagato in un’unica soluzione entro il 31 Luglio 2019 o suddiviso in rate.

A differenza delle altre rottamazioni è possibile dilungare il piano delle rate fino a 5 anni. In caso di rateizzazione il debito può essere suddiviso in massimo 18 rate in 5 anni con le seguenti scadenze:

 

  • le prime due, sono pari al 10% del dovuto, entro il 31 luglio 2019 e il 30 novembre 2019

 

  • le restanti 16 rate, di pari importo, entro il 28 febbraio, 31 maggio, 31 luglio e 30 novembre di ciascun anno fino al 2023

 

 

Come effettuare la richiesta

La richiesta va effettuata entro il 30 Aprile 2019, con una delle seguenti modalità:

 

 

  • Via PEC alla Direzione Regionale di Agenzia delle Entrate-Riscossione di riferimento. Allegando il modello DA-2018 e una copia del documento d’identità

 

 

L’Agenzia delle Entrate invierà una Comunicazione di accoglimento o di diniego ai soggetti aderenti entro il 30 giugno 2019. In caso di accoglimento, l’agenzia delle entrate provvederà ad inviare i bollettini di pagamento.

 

 

Se hai ancora dubbi o vuoi essere guidato nella compilazione della domanda, compila il form, sarai seguito da un nostro esperto.